sextantio

Sextantio Santo Stefano di Sessanio. Il matrimonio come era.

In Architettura, Ristrutturare by tamaraLascia un commento

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.
bouquet sextantio

Scorcio romantico di Santo Stefano di Sessanio e di Sextantio, albergo diffuso. Credit: Sextantio

Il matrimonio come una volta. Lei che scende da casa, tra gli applausi degli amici e dei parenti. E poi a piedi, stretta al braccio del papà, che la sostiene lungo i vicoli in pietra, fino in chiesa, tra gli auguri dei passanti e la musica dal vivo. Una cerimonia intima, in una chiesa medievale, calda e accogliente.

 Sextantio, Santo Stefano di Sessanio, corteo

Il corteo matrimoniale tra i vicoli del borgo di Santo Stefano di Sessanio. Credit:Alessandro Navelli Photographer

E poi a festeggiare, tutti insieme in un corteo gioioso che si spinge fino alla piccola piazza affacciata sulla vallata; per un aperitivo informale, per gli auguri agli sposi, per i primi balli sulle note di una musica folk che scava nei rivoli della memoria.

Sextantio piazza sulla valle

L’affaccio della piccola piazza sulla vallata. Credit: Alessandro Navelli Photographer

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.

Due passi ancora e poi il pranzo, quello che racconta la storia. La storia di un luogo o di una famiglia che ha attraversato i tempi e gli oceani per ritrovarsi a far festa; per condividere con gli ospiti le atmosfere di un paesaggio rurale dell’Appennino italiano, prima abbandonato e poi improvvisamente ritrovato.

sextantio location matrimonio

Ogni angolo del borgo è un recupero strutturale e sociale. Credit da web

E’ la Locanda Sotto gli Archi a far rivivere quei sapori, ad accogliere una ricostruzione che non è solo strutturale, ma anche sociale. È qui che si sono recuperate le vecchie madie, i tavoli restituiti dal tempo, la malta in calce a ricoprire le mura intatte del borgo.

Locanda sotto gli archi

La Locanda Sotto gli Archi, luogo privilegiato dell’albergo diffuso. Credit: Sextantio Santo Stefano di Sessanio

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.

La festa non è formale, non conosce i ritmi scanditi da una scaletta; è istintiva, intima e personale. Si snoda tra le botteghe artigiane addossate le une alle altre, dove intrattenere i curiosi. Si sviluppa nella Tisaneria o nel Cantinone, dove si balla e si suona.

the-restaurant

Dai tessuti, agli elementi di arredo, alle ricette. Tutto a Sextantio è oggetto di un recupero accurato

Qui si raccontano emozioni, sorseggiando infusi di erbe montane o liquori che scaldano il sangue e l’anima; si assaggiano dolci; si taglia la torta e si continua a far festa fino a che si hanno le forze. Al termine della giornata non si salutano gli ospiti. Con loro solo il congedo che si riserva agli amici per una notte di ristoro, tra le stanze di quel borgo che è diventato il primo esempio italiano di Albergo Diffuso.

sextantio-albergo-diffuso-hotels-italy-santo-stefano-di-sessanio

Una delle meravigliose stanze di Sextantio Santo Stefano di Sessanio. Credit: Sextantio

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.

Perché domani mattina ci si ritrova. La festa continua con la colazione e poi nel relax che ci si concede, coccolati da un sottofondo new age, dalle essenze degli oli profumati, dalla luce delle candele che rigenerano corpo e mente. Perché un matrimonio a Sextantio Santo Stefano di Sessanio non necessita di una location: l’intero borgo è la location.

sextantio colazione

La colazione a Sextantio Santo Stefano di Sessanio è un incontro col tempo. Credit: Sextantio

Così si celebra una terra legata alla sua gente e ai suoi gesti secolari, tanto da saperli raccontare in ogni angolo, in ogni tavolo intagliato, in ogni nicchia nei muri, in ogni pietra delle case. Un patrimonio umano e culturale che non si è mai disperso, pur sapendosi rinnovare e raccontare con sfumature più ampie, più naturali e rispettose, rievocative ma futuribili.

sextantio

Un altro esempio di ospitalità di Sextantio albergo diffuso. Credit: Sextantio

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.

Una storia che ha invertito il suo corso di abbandono ed emigrazione grazie all’intervento umano, economico ed emotivo di Daniele Kihlgren. Figlio di una ricca famiglia italo-svedese, Daniel si è innamorato di Santo Stefano di Sessanio, tanto da investire il suo intero patrimonio nel recupero di questo borgo incastonato tra le montagne dell’Appennino abruzzese.

.LocandaSottoAgliArchi.SantoStefano

Ancora uno scorcio della Locanda Sotto agli Archi, in cui il recupero attento delle tradizioni segna il passo del suo presente. Credit: Sextantio

Un inedito progetto di Restauro Conservativo del Patrimonio Minore, quello dimenticato e decaduto, che ha saputo rimettere in gioco delicate suggestioni affettive, attraverso il recupero dei materiali da costruzione, delle trame dei tessuti, degli arredi. Addirittura dei piatti e dei prodotti che hanno caratterizzato la gastronomia di quella terra, ritrovati attraverso gli studi commissionati al Museo delle Genti d’Abruzzo. Così nasce l’idea di Sextantio Santo Stefano di Sessanio come albergo diffuso.

Santo Stefano di Sessanio

Uno scorcio sui vicoli di Santo Stefano di Sessanio. Credit: Sextantio

Sextantio Santo Stefano di Sessanio.

Un esempio di efficacia imprenditoriale e di sviluppo ecologico e sostenibile, che hanno definito il ritorno alla vita di un territorio e hanno gettato le basi per ripercorrere l’esperimento anche tra i Sassi di Matera. Ma che speriamo possa essere caposaldo per ispirazioni in altri luoghi dell’Italia dimenticata.

Devi scegliere l’abito da sposa? Leggi l’articolo che ti indica le 5 cinque regole per scegliere l’abito da sposa!

Vuoi conoscere tutto sulle tendenze e novità per le scarpe ed accessori sposa 2017? Leggi il nostro articolo.

di Tamara Gori

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine HOUSE - Mondo Abitare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Sextantio Santo Stefano di Sessanio. Il matrimonio come era. ultima modifica: 2017-01-24T14:32:17+00:00 da tamara
The following two tabs change content below.
Sono nata nel 1973, annata sospesa tra il piombo del terrorismo e il luccichio delle mirror balls. Forse è per questo che sono così duale: amo le città, ne sono attratta, ma non chiedetemi di viverci, ne soffocherei; ho seguito studi economici per dovere sociale (di altri), ma l'istinto e la vita mi hanno sempre accompagnata verso l'arte, la natura, la letteratura e la giustizia sociale. Organizzo matrimoni, ma non sono sposata. Sono timida e riservata, ma esplodo di gioia di fronte a un sorriso e di divertimento quando ascolto la buona musica. Amo il cibo; ne ho saggiato di ogni genere e ovunque ho potuto, ammaliata dai colori, dai sapori, dagli odori che lo caratterizzano e lo legano ad un territorio e ad un popolo. Nonostante tutto però, combatto eternamente con intolleranze alimentari birichine ed estenuanti. Mi piace leggere e viaggiare e molto mi piace scrivere. E scrivere di cibo mi permette di fare tutto questo insieme; mi permette ogni volta di innamorarmi della Storia, della Cultura, dell'Umanità. Non riesco a prescindere da tutto questo, soprattutto dal piccolo, dall'etico, dal buono. E attraverso quello che scrivo, provo a rispondere a quello che oggi è il mio personalissimo senso di dovere sociale.Tamara Gori
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento